L a normativa sulla Formazione Continua prevede obblighi tassativi di acquisizione di un numero minimo triennale di Crediti ECM, necessari anche per potersi iscrivere all’Elenco Nazionale dei Medici Competenti ai sensi del D.Lgs. 81/2008.

Tra le modalità per maturare crediti ECM rientra la possibilità, valida per tutti i professionisti sanitari in maniera flessibile, di richiedere il riconoscimento di crediti acquisiti attraverso autoformazione (si veda Delibera Commissione Nazionale Formazione Continua del 7 luglio 2016).

Per esercitare questa possibilità, si può accedere al sito del  CoGeAPS (Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie) raggiungibile al link http://www.cogeaps.it  , cliccare su “’Accesso Anagrafe Crediti ECM Personale”, e presentare un’ autocertificazione.

Viene richiesto di allegare un articolo scientifico pertinente la medicina del lavoro, e di indicare data e durata della autoformazione. Non è prevista una verifica dell’apprendimento.

Questa modalità permette di acquisire fino a un massimo di 5 crediti ECM all’anno.

A partire dal numero 1/2017 “La Medicina del Lavoro” suggerisce articoli indicati con il simbolo, che possono risultare utili per effettuare l’autoformazione e usufruire di questa possibilità.

A cura della Redazione

 

Redazione LA MEDICINA DEL LAVORO
Clinica del Lavoro “L. Devoto”
Via S. Barnaba, 8 – 20122 Milano
tel. 02 503 20125 – fax 02 503 20126
E-mail: redazione@lamedicinadellavoro.it

Tags: ,